Tradizione siciliana: i cannoli


Sono sempre stati tra i miei dessert preferiti! La Sicilia è una regione che mi sta nel cuore direi: da piccola ho vissuto con mia sorella a Catania e Siracusa grazie al lavoro di mio papà e si vede che questa terra mi è entrata un po' nel sangue. Adoro i cannoli siciliani e ne mangerei fino a non avere più fiato...un po' come le ciliegie!!

Così', quando mio figlio Nicolò, a scuola di cucina con il suo insegnante, di origini sicule, ha realizzato questa meraviglia di cannoli, arrivati a casa, ho pensato subito di comprare della ricotta fresca e di riempirli a dovere con questa crema deliziosa!

Una ricetta insomma realizzata a più mani per la quale mi sento di ringraziare il docente di mio figlio per la perfetta esecuzione e che oggi pubblico con orgoglio e voglia di condivisione.


Per la realizzazione dei cannoli

circa 8/10 porzioni

250 gr di farina 00

60 millilitri di Marsala secco (o vino bianco)

Un cucchiaino di aceto

40 gr di strutto o di burro

Un pizzico di sale

Un cucchiaino raso di cacao amaro in polvere se vorrete l'impasto scuro. Meno cacao mettete, più chiaro sarà l'impasto

40 gr di zucchero semolato

2 tuorli grandi o 3 medi

La scorza grattugiata di un limone lavata e possibilmente bio

Olio di semi di arachide, o strutto, per friggere

Strutto o burro per ungere i cilindri in acciaio



Per la realizzazione della crema

800 gr di ricotta di pecora

200 gr di ricotta vaccina

360 gr di zucchero a velo

La scorza di mezzo limone e di 1/4 di arancio grattugiate


Esecuzione

Prendete un